Tag Archives: palermo

Nino Di Matteo e la DNA: ennesimo sconcertante rifiuto

Nino Di Matteo, il noto procuratore di Palermo e al momento uno dei magistrati più a rischio in Italia, non farà parte della Direzione Nazionale Antimafia almeno per i prossimi sei mesi. Così è stato deciso dal ministero della Giustizia che, a distanza di qualche settimana dall’approvazione del CSM e in totale contraddizione con quanto è stato confermato solo un mese fa, ha rifiutato il suo trasferimento posticipandolo ed esponendo il procuratore ad ulteriori rischi in una città in cui deve lottare ogni giorno per la propria sopravvivenza. La decisione è stata giustificata come un’azione intrapresa per motivi di sicurezza.

Il procuratore siciliano, d’altronde, è ben abituato ai rifiuti continui da parte delle istituzioni: in passato, infatti, lo stesso Di Matteo aveva inviato la propria candidatura alla Dna per ben due volte, ricevendo in entrambi i casi delle bocciature dal sapore particolare: se per la prima erano stati premiati magistrati con un livello d’inglese più alto ed una conoscenza dell’uso di Skype più consona, la seconda bocciatura era dovuta al fatto che mancava un testo da allegare alla candidatura stessa, un testo che, a quanto pare, non poteva mancare ed essere sostituito dall’esperienza ventennale dello stesso procuratore. Benedetta burocrazia.

Lo scorso mese, finalmente, il CSM aveva dato l’ok perché Di Matteo si spostasse negli uffici di via Giulia, a Roma, premiando così le “ottime qualità professionali” e il “solido e vasto bagaglio di esperienza” maturato nelle indagini sulla criminalità organizzata, oltre alle “capacità di coordinamento e impulso investigativo”, “l’impareggiabile tenacia” e “l’ineguagliabile spirito di sacrificio”. Lo scopo principale del procuratore, d’altronde, sta nel poter concentrarsi appieno sul faticoso processo che riguarda la trattativa Stato-mafia, conscio che dagli uffici di Roma potrebbe ottenere non solo informazioni più importanti, ma soprattutto una mobilità e un raggio d’azione decisamente più ampio.

Purtroppo, però, la scorsa settimana è giunta l’ennesima bocciatura: dal ministero, come già accennato poc’anzi, è stato negato quello scatto di carriera tanto desiderato (ed aggiungeremmo meritato) da Di Matteo. Dalle note del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria del ministero stesso si evince che la causa dello stop al procuratore è dovuta a motivi di sicurezza, dato che, una volta entrato a far parte della Dna, eventuali spostamenti organizzati e prevedibili da Roma a Palermo potrebbero esporre lo stesso Di Matteo a un possibile e più facile attacco militare da parte della criminalità organizzata. “Sono convinto – ha affermato però il procuratore – che vi fossero gli strumenti idonei a coniugare il mio diritto a essere trasferito nella nuova sede con le esigenze di assicurare la continuità del mio lavoro nel processo”.

È evidente che qualcosa non vada come dovrebbe nei piani alti delle istituzioni che hanno (o che dovrebbero avere) a cuore la giustizia dell’intero Paese: se per due volte uno dei procuratori più importanti d’Italia è stato preferito ad altri e quindi bocciato; se la terza volta lo si è dapprima illuso e poi rifiutato con motivazioni inconsistenti (davvero si crede che a Palermo sia più sicuro?); se, infine, il ministero rifiuta quanto approvato dal Consiglio della Magistratura, tutto ciò non può che portare ulteriori enormi punti interrogativi.

Si vuol davvero scoprire quanto accaduto 25 anni fa? Se la risposta è no, chi o cosa lo impedisce? Ed infine, perché mettere ulteriormente a rischio una persona, un servitore dello Stato già più volte minacciato e non più al sicuro in quella città in cui adesso si trova costretto a restare? La speranza è che qualcosa cambi in fretta, ma soprattutto che non vi sia bisogno di un’altra morte eccellente perché le coscienze (più o meno pulite) si risveglino dal torpore omertoso che le avvolge.

Giovambattista Dato -ilmegafono.org

Settimana dall’11 al 18 marzo 2017

UN TRASFERIMENTO NECESSARIO “Il mio trasferimento nella Procura nazionale antimafia non è una fuga o una resa. Ho fatto la domanda per la Dna per cercare di continuare a dare un contributo alla lotta alla mafia. Mi sono occupato di queste … Leggi tutto

Nella mafia in subbuglio cresce l’ostilità verso i vertici

Lo scenario relativo alla situazione della mafia siciliana, emerso in occasione della presentazione del rapporto della Dia, in merito al primo semestre dello scorso anno, appare per certi aspetti interessante e al tempo stesso sorprendente. Secondo quanto sostenuto dagli inquirenti che … Leggi tutto

L’Italia in stallo osserva i suoi vizi peggiori

Tutto, in Italia, sembra essersi fermato. Da settimane il dibattito è fossilizzato sulla contrapposizione tra le diverse forze politiche e tra le correnti al loro interno. La partecipazione dell’opinione pubblica è a livelli massimi, toccando spesso il limite dell’ossessione. Ma … Leggi tutto

La grande lezione di dignità di Nino Di Matteo

Il senso del dovere, la testa alta, la schiena dritta. Costi quel che costi. Nino Di Matteo ha dato un segnale importante, ha offerto a questo Paese distratto e colpevole l’occasione di guardarsi dentro. Lo ha fatto senza urlare, sbattere … Leggi tutto

La mafia vuole uccidere Di Matteo. E lo Stato?

Per mesi abbiamo sentito sibilare il silenzio. Nessuna parola, ai piani alti, sull’argomento “mafia” e soprattutto sulla situazione complicata nella quale si trova il sostituto procuratore di Palermo, Nino Di Matteo. Nessuna presa di posizione o espressione di solidarietà davanti … Leggi tutto

Teatro Atlante: dieci anni di cultura e teatro tra le vie di Palermo

Quando si parla di cultura come antidoto al crimine organizzato, alla devianza e all’illegalità in genere si dice una grande verità. Perché l’Italia, costellata da mafie in origine territoriali e poi progressivamente divenute nazionali e internazionali, di cultura avrebbe un … Leggi tutto