Tag Archives: lavoro

Il masochismo senza fine del ministro Poletti

Sulle parole del ministro Poletti hanno scritto tutti e molto è già stato detto. Il fatto che vale ancora la pena di sottolineare è che il ministro pare non avere nulla da imparare dai propri errori. Non si capisce infatti la necessità di sparare sentenze, con uno stile che ricorda un po’ quello del saccente giocatore di scopone scientifico che distribuisce a destra e a manca consigli non richiesti, che si dimostrano costantemente fonte di polemiche.

Chiaramente non è un invito al silenzio, ma a misurare le parole sì. Che il proverbiale calcetto sia metafora delle relazioni interpersonali lo possiamo anche capire. Che le relazioni interpersonali nel mondo del lavoro siano importanti è un dato. Da qui a tirare in ballo il curriculum ce ne passa, e parecchio. Soprattutto verso i giovani, che tutti dicono essere il futuro del Paese, ma che guadagnano meno dei propri genitori e hanno meno prospettive di chi li ha preceduti, pur essendo più qualificati.

Bisognerebbe poi rendersi conto che, in un momento storico di nervi tesissimi del Paese – e le vergognose minacce al figlio del ministro stesso ne sono purtroppo un esempio – queste dichiarazioni sono ettolitri di benzina su un fuoco ben avviato. Ma c’è di più. Bisognerebbe che il ministro si rendesse conto della figura pubblica che incarna e della situazione in cui ci troviamo.

E dire che l’esercizio non sembra così difficile. Oltre a fare un passaggio tra i laureati disoccupati, tra l’eroismo dei ricercatori con stipendi da secondo mondo, basterebbe leggere qualche dato e contare fino dieci (a proposito di consigli da bar). L’iperbole, l’esagerazione, la metafora sono semplicemente fuori luogo. E non fanno del bene neanche al partito che si rappresenta. Questa ostentazione masochista a offrire sempre il fianco, tipica di una certa sinistra a tratti buontempona, ricorda tanto Bersani, maestro di metafora ma non certo un esempio in termini di popolarità.

Certi che il discorso non verrà ascoltato invitiamo quindi il ministro a proseguire nel tentativo di farsi impallinare e screditare a ogni piè sospinto a discapito di qualsiasi discorso che voglia essere un minimo serio sulle cose che, in fondo, contano davvero: cioè le riforme e le linee guida sul lavoro del Governo.

Penna Bianca -ilmegafono.org

Assuefatti, “crucianisti” e indignati

Non è facile guardare questo Paese in faccia, ma a volte è necessario farlo. Basta davvero poco. È sufficiente, ad esempio, ascoltare i discorsi comuni: quelli del cittadino della strada o quelli sui social oppure, armandosi di pazienza e sopportazione, … Leggi tutto

TIM trasferisce 265 lavoratori: è scontro con i sindacati

Il lavoro non fa più notizia. Tranne quando si tratta di commentare dati sui quali si accapigliano governi, opposizioni e sindacati oppure quando si tratta di imbastire un po’ di retorica attorno al suicidio di qualcuno che il lavoro lo … Leggi tutto

La morte di Paola e il grappolo d’uva

È l’estate del 2015 e Paola Clemente è al lavoro nelle campagne di Andria. L’estate pugliese è calda e il lavoro delle braccianti è duro, pesante. I giornali raccontano che Paola quel giorno era impegnata nell’acinellatura dell’uva. Non so di … Leggi tutto

Treno Verde: l’economia circolare va in giro per l’Italia

Occhio alle stazioni di tutta Italia, almeno fino al 31 marzo: Legambiente e Ferrovie dello Stato, con la partecipazione del ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, promuovono la campagna di sensibilizzazione a bordo del Treno Verde, un … Leggi tutto

Raccolta differenziata in Italia: vent’anni tra luci e ombre

La raccolta differenziata compie vent’anni: nel 1997, infatti, fu approvato il Decreto Ronchi che diede inizio alla pratica virtuosa, in un periodo in cui circa l’80% dei nostri materiali di scarto finiva in discarica, lasciando le ecomafie libere di spadroneggiare … Leggi tutto

L’Italia reale dentro un patronato

Poche ore dentro un patronato. Milano, un martedì mattina gelido. Poche ore che consiglierei a chi governa, a chi ha governato, a chi sostiene e ha sostenuto certe misure infischiandosene delle conseguenze, di coloro che avrebbero dovuto subirle, di coloro … Leggi tutto

Le fabbriche di armi e la coscienza

“…Si parla della guerra: la facciamo, non la facciamo, con chi stiamo, che posizione prendiamo, come la combattiamo. Parlare, discutere, litigare sulla guerra. E viverla? Come si sta a viverla? Che cosa si pensa, quando la si vive? Che cosa … Leggi tutto

Settimana dal 18 al 23 dicembre 2016

IO MI VERGOGNO “Chi sta marciando in strada per gli uomini e le donne innocenti della Siria? Chi sta gridando per i bambini Nessuno. Le Nazioni Unite si stanno riunendo per il loro Consiglio di Sicurezza e si asciugano una … Leggi tutto