Tag Archives: antimafia

Nino Di Matteo e la DNA: ennesimo sconcertante rifiuto

Nino Di Matteo, il noto procuratore di Palermo e al momento uno dei magistrati più a rischio in Italia, non farà parte della Direzione Nazionale Antimafia almeno per i prossimi sei mesi. Così è stato deciso dal ministero della Giustizia che, a distanza di qualche settimana dall’approvazione del CSM e in totale contraddizione con quanto è stato confermato solo un mese fa, ha rifiutato il suo trasferimento posticipandolo ed esponendo il procuratore ad ulteriori rischi in una città in cui deve lottare ogni giorno per la propria sopravvivenza. La decisione è stata giustificata come un’azione intrapresa per motivi di sicurezza.

Il procuratore siciliano, d’altronde, è ben abituato ai rifiuti continui da parte delle istituzioni: in passato, infatti, lo stesso Di Matteo aveva inviato la propria candidatura alla Dna per ben due volte, ricevendo in entrambi i casi delle bocciature dal sapore particolare: se per la prima erano stati premiati magistrati con un livello d’inglese più alto ed una conoscenza dell’uso di Skype più consona, la seconda bocciatura era dovuta al fatto che mancava un testo da allegare alla candidatura stessa, un testo che, a quanto pare, non poteva mancare ed essere sostituito dall’esperienza ventennale dello stesso procuratore. Benedetta burocrazia.

Lo scorso mese, finalmente, il CSM aveva dato l’ok perché Di Matteo si spostasse negli uffici di via Giulia, a Roma, premiando così le “ottime qualità professionali” e il “solido e vasto bagaglio di esperienza” maturato nelle indagini sulla criminalità organizzata, oltre alle “capacità di coordinamento e impulso investigativo”, “l’impareggiabile tenacia” e “l’ineguagliabile spirito di sacrificio”. Lo scopo principale del procuratore, d’altronde, sta nel poter concentrarsi appieno sul faticoso processo che riguarda la trattativa Stato-mafia, conscio che dagli uffici di Roma potrebbe ottenere non solo informazioni più importanti, ma soprattutto una mobilità e un raggio d’azione decisamente più ampio.

Purtroppo, però, la scorsa settimana è giunta l’ennesima bocciatura: dal ministero, come già accennato poc’anzi, è stato negato quello scatto di carriera tanto desiderato (ed aggiungeremmo meritato) da Di Matteo. Dalle note del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria del ministero stesso si evince che la causa dello stop al procuratore è dovuta a motivi di sicurezza, dato che, una volta entrato a far parte della Dna, eventuali spostamenti organizzati e prevedibili da Roma a Palermo potrebbero esporre lo stesso Di Matteo a un possibile e più facile attacco militare da parte della criminalità organizzata. “Sono convinto – ha affermato però il procuratore – che vi fossero gli strumenti idonei a coniugare il mio diritto a essere trasferito nella nuova sede con le esigenze di assicurare la continuità del mio lavoro nel processo”.

È evidente che qualcosa non vada come dovrebbe nei piani alti delle istituzioni che hanno (o che dovrebbero avere) a cuore la giustizia dell’intero Paese: se per due volte uno dei procuratori più importanti d’Italia è stato preferito ad altri e quindi bocciato; se la terza volta lo si è dapprima illuso e poi rifiutato con motivazioni inconsistenti (davvero si crede che a Palermo sia più sicuro?); se, infine, il ministero rifiuta quanto approvato dal Consiglio della Magistratura, tutto ciò non può che portare ulteriori enormi punti interrogativi.

Si vuol davvero scoprire quanto accaduto 25 anni fa? Se la risposta è no, chi o cosa lo impedisce? Ed infine, perché mettere ulteriormente a rischio una persona, un servitore dello Stato già più volte minacciato e non più al sicuro in quella città in cui adesso si trova costretto a restare? La speranza è che qualcosa cambi in fretta, ma soprattutto che non vi sia bisogno di un’altra morte eccellente perché le coscienze (più o meno pulite) si risveglino dal torpore omertoso che le avvolge.

Giovambattista Dato -ilmegafono.org

Maria Rita, altra vittima di ‘ndrangheta e isolamento

Ci sono vite che sono come le foglie, nate sopra alberi sbagliati, cresciute sui rami di una “malapianta” dalle radici ben conficcate dentro terreni aridi. Foglie bellissime, forti, vive, per le quali basterebbero un po’ di acqua pulita, un po’ … Leggi tutto

La sfida più importante: riconoscere e combattere la criminalità economica

Del discorso pronunciato a Locri da uno dei simboli dell’antimafia, Don Luigi Ciotti, le parole che devono essere rimarcate sono quelle relative alla multiformità del sistema mafioso. Davanti alle istituzioni e ai giovani accorsi a Locri, il sacerdote ha sottolineato come … Leggi tutto

Settimana dall’11 al 18 marzo 2017

UN TRASFERIMENTO NECESSARIO “Il mio trasferimento nella Procura nazionale antimafia non è una fuga o una resa. Ho fatto la domanda per la Dna per cercare di continuare a dare un contributo alla lotta alla mafia. Mi sono occupato di queste … Leggi tutto

Marilena Natale: la lotta alla camorra e il no alla scorta

Ad Aversa, in provincia di Caserta, una giornalista e, prima di tutto, una donna forte e coraggiosa si trova in una situazione molto complicata e rischiosa. Marilena Natale, cronista campana e per molti anni collaboratrice de “La Gazzetta di Caserta”, … Leggi tutto

La grande lezione di dignità di Nino Di Matteo

Il senso del dovere, la testa alta, la schiena dritta. Costi quel che costi. Nino Di Matteo ha dato un segnale importante, ha offerto a questo Paese distratto e colpevole l’occasione di guardarsi dentro. Lo ha fatto senza urlare, sbattere … Leggi tutto

A Voghera le casalinghe hanno lasciato il posto ai boss

Una volta era la patria di uno stereotipo fra i più utilizzati, nato in modo un po’ casuale. “La casalinga di Voghera”, dalla metà degli anni ’60, è stata una delle tipizzazioni più conosciute e usate in ambito giornalistico italiano. … Leggi tutto

19 luglio, lotta agli assassini della memoria

Lo abbiamo lasciato passare ancora una volta, questo 19 luglio. E ogni anno che passa è come se il suo significato sfumasse, o meglio, come se qualcuno volesse farlo sfumare. Restano solo i familiari, i poliziotti, qualche magistrato, le associazioni … Leggi tutto

Il riscatto di Corleone nelle mani dei giovani

Corleone, o almeno una parte di essa, si vuole riscattare, vuole scrollarsi di dosso una volta per tutte l’etichetta di “patria della mafia”. Dimenticate le polemiche per il presunto inchino a lady Riina durante la processione dello scorso 31 maggio, … Leggi tutto

Addio a Pina Maisano Grassi, emblema della lotta alla mafia

Il mondo dell’antimafia è stato colpito da un lutto grave e si è raccolto accanto ad una figura emblematica e determinante della lotta alla criminalità organizzata: quella di Pina Maisano. Vedova di Libero Grassi, imprenditore siciliano ucciso dalla mafia nel 1991, Pina … Leggi tutto