Tag Archives: ambiente

Crisi idrica, raccolti a rischio soprattutto al Nord

Siamo agli inizi della primavera, ma stando al regime idrico registrato lungo il corso del Po, sembra quasi estate inoltrata. Un’estate anche torrida, nonostante le temperature non proprio elevate. La colpa è dell’allarme siccità scoppiato già lo scorso inverno, un’emergenza dovuta alla scarsità di precipitazioni che risultano addirittura dimezzate, con una percentuale scesa addirittura oltre il 47%. Nelle regioni del Nord la situazione appare ancor più critica, con un calo delle precipitazioni pari al 72,3%, un dato che parla chiaramente di crisi idrica. La stagione invernale si è portata dietro anche gli strascichi dell’autunno, che pure è stato carente di precipitazioni.

A complicare la situazione ci si mettono anche le gelate degli ultimi mesi, che hanno colpito in modo particolare i vigneti che ad oggi registrano circa 100 milioni di danni.

La notizia è stata diffusa da Coldiretti, che evidenzia anche il calo di livello del Po: al Ponte della Becca, in provincia di Pavia, siamo ad un calo di 2,62 metri, come accade ad inizio agosto, in estate inoltrata. Le precipitazioni, come dichiarano dalla Coldiretti, sono necessarie per rinvigorire i bacini idrici, essenziali e vitali per le coltivazioni, che altrimenti, come in questo caso, boccheggiano in stato di urgenza. Altra spia negativa è stata la segnalazione sullo stato di riempimento dei principali laghi del Nord Italia, scesa ai minimi storici, in particolare su Lago d’Iseo, Lago Maggiore e Lago di Como che detiene il record negativo con appena il 14% di portata. Soltanto il Lago di Garda si mantiene su livelli rassicuranti, con il 78% di portata.

I dati sulle precipitazioni relativi allo scorso inverno parlano di un calo delle precipitazioni generale su tutta la penisola, con un picco negativo registrato a dicembre (-67%). Alcune regioni del Nord hanno dichiarato lo stato d’emergenza siccità, mentre il Trentino Alto Adige ha addirittura optato per lo svuotamento dei bacini idrici per le dighe idroelettriche, in modo da incrementare la scarsa portata del fiume Adige. Le ricadute negative sull’agricoltura locale sono inevitabili: si contano, infatti, ingenti danni nelle produzioni vinicole di Pinot, Cabernet, Chardonney e Prosecco nel Veneto, ad esempio, ma anche dei vini piemontesi e lombardi.

I raccolti e i vigneti del Centro Sud, tuttavia, non restano a guardare, registrando i danni più evidenti in Toscana, e Campania, dove i vigneti del beneventano e dell’avellinese hanno subito il colpo delle temperature scese sotto lo zero, e nei raccolti del Lazio. Questa crisi idrica, ma potremmo dire anche climatica, mette in seria difficoltà anche le fioriture, essenziali per rinnovare i raccolti e per la produzione di nuovi frutti.

Laura Olivazzi -ilmegafono.org

Oleo Sponge, un colpo di spugna all’inquinamento

Ripulire le acque dei mari con una spugna rivoluzionaria: per ora è solo un progetto, ma potrebbe diventare realtà grazie all’impegno di tecnici e scienziati. Un team dell’Argonne National Laboratory, uno dei principali centri di ricerca degli Stati Uniti, ha … Leggi tutto

Ambiente: gli USA di Trump mettono a rischio l’Accordo di Parigi sul clima

Alla conferenza sul clima di Parigi (COP21) del dicembre 2015, 195 paesi hanno adottato il primo accordo universale e giuridicamente vincolante a livello mondiale per la protezione del Pianeta. L’Accordo di Parigi definisce un piano di azione globale per evitare … Leggi tutto

L’emissario del lago di Nemi, una fessura nel passato

Se volete fare un’escursione fuori dal comune e non soffrite di claustrofobia, allora andate a visitare l’emissario del lago di Nemi. Si tratta di un cunicolo di più di 1600 metri, scavato nella roccia circa 2500 anni fa per drenare … Leggi tutto

Carenza d’acqua: ecco come si accendono i conflitti

Laddove manca acqua potabile, si accendono conflitti. È più o meno questa la sintesi del rapporto Turbolent Water rilasciato dalla Banca Mondiale in tema di crisi idrica, in cui l’aggettivo “Turbolent” indica il pericolo di tensioni e focolai di guerra … Leggi tutto

Politiche ambientali: Italia ancora in ritardo rispetto all’Europa

Le intuizioni migliori in fatto di tecnologia vengono spesso dall’Italia, ma per quanto riguarda l’applicazione di politiche green, il nostro paese stenta ancora a decollare. È quanto emerge dalla classifica stilata da due ong europee, la Transport and Enviroment e … Leggi tutto

Assuefatti, “crucianisti” e indignati

Non è facile guardare questo Paese in faccia, ma a volte è necessario farlo. Basta davvero poco. È sufficiente, ad esempio, ascoltare i discorsi comuni: quelli del cittadino della strada o quelli sui social oppure, armandosi di pazienza e sopportazione, … Leggi tutto

Inquinamento tessile: i nostri armadi sono un pericolo per l’ambiente

Armadi pieni e strapieni di vestiti. È difficile non trovare guardaroba sempre rimodernati e spesso con indumenti che mettiamo solo una volta e poi lasciamo lì o buttiamo via senza pensarci due volte perché passano di moda o semplicemente perché non … Leggi tutto

Acqua: ancora troppi sprechi in Italia

Lo scorso 22 marzo si è celebrata in tutto il mondo la Giornata dell’Acqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 per applicare le direttive previste dall’Agenda 21. Anche quest’anno, i dati raccolti e le statistiche elaborate sull’argomento restituiscono un quadro … Leggi tutto

Giornate Fai: alla scoperta del cimitero acattolico di Siracusa

Anche quest’anno il Fai si impegnerà ad aprire al pubblico beni pubblici normalmente chiusi e non fruibili. Quest’anno sono più di mille i luoghi visitabili in tutta Italia. Sul sito www.giornatefai.it troverete anche una app che vi permetterà di partecipare … Leggi tutto