I Free Shots ci riempiono di vitalità con il loro “Vorrei tanto dir”

Ormai lo sappiamo, il pop da diverso tempo si è appropriato della scena musicale internazionale. Anche nel nostro Paese è il genere più in voga, ma c’è ovviamente da diversificare. Sia chiaro, c’è pop e pop, quello fatto bene e quello che invece è meglio lasciar perdere. Per farvi capire qual è quello che vale la pena di ascoltare, senza farvi perdere tempo in musica di bassa qualità, oggi vi presentiamo i Free Shots.

Loro sono una valida band emergente ma con già qualche anno di attività alle spalle: un tempo utilizzato per formare e strutturare il loro sound in qualcosa di originale che possa risultare di piacevole ascolto. La loro musica, dunque, è di matrice pop, ma arricchita da tante sfaccettature che la rendono accattivante e di ottima compagnia: si va dal rock leggero, fino allo swing, passando per qualcosa di lontanamente folk, con inoltre qualche goccia di elettronico. È una musica non solo ricca, ma anche molto positiva, che trasmette energia e gioia.

La loro ultima produzione, “Vorrei tanto dir”, ne è la prova tangibile. Si tratta appunto di un album, il primo per i Free Shots, composto da 7 inediti e 3 cover.  In “Vorrei tanto dir” la band ci presenta il suo mondo fatto di vivacità e spensieratezza, di suoni che si intrecciano, che appaiono fugacemente per poi scomparire e ritornare in seguito per fare un’ulteriore sorpresa all’ascoltatore, il tutto abbinato ovviamente ad una buona qualità musicale e compositiva, che rende questo disco un compagno ideale per ogni genere di occasioni.

È un pop ragionato, che non annoia e che non scade nel banale o nel minimalista, come spesso accade ai nostri giorni a questo preciso genere. È un album per cominciare al meglio la giornata.

Per conoscere meglio i Free Shots è possibile ascoltare la puntata di “The Independence Play”, la trasmissione della nostra radio su Spreaker (clicca qui per scaricare o ascoltare il podcast). Per ascoltare il singolo “Lo swing inarrestabile” clicca qui

Manuele Foti -ilmegafono.org

La copertina dell’album “Vorrei tanto dir”.

L’adrenalina musicale dei Nice nel loro “Tap tempo”
I ritmi irresistibili di Eusebio Martinelli e del suo “Danze”
LinkedInTumblrGoogle Gmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *