L’attualità, i fatti interni ed esteri, la politica, la cultura, le inchieste: cerchiamo di analizzare quello che accade e di raccontarvelo con la massima onestà, liberamente, criticamente, provando a offrire un punto di vista alternativo.

Dittatura, tensioni, profughi: la Corea del Nord in cinque punti

Mala tempora currunt. Il presidente americano Trump e quello nordcoreano Kim Jong-un continuano a scambiarsi accuse sotto lo sguardo sempre più preoccupato del colosso cinese. Questo bisticciare tra due leader atomici, forse, ha origine in una simile difficoltà all’interno dei rispettivi Paesi. Probabilmente il giovane Kim, terzo dittatore assoluto nel singolare assolutismo nordcoreano, ha realizzato che il processo di riunificazione è incontrovertibile oppure che, semplicemente, non si può chiudere un popolo dentro una bolla di vetro per sempre. Dal canto suo Trump, in discesa di consensi, ha forse bisogno di risvegliare l’orgoglio del grande gendarme del mondo.

La speranza è che il primo non voglia suicidarsi e che il secondo non ceda alle provocazioni per fare lo spaccone da pub di una highway in Tennessee. Queste solo supposizioni, i fatti speriamo non le smentiscano.  

Va premesso che il nostro interesse verso la Corea del Nord non scaturisce solo dalle contingenti (e preoccupanti) vicende internazionali, ma anche dal fatto che, essendo uno stato assolutamente sui generis, di cui poco si sa e si dice, val la pena approfondirne la conoscenza. Procederemo, assolutamente a caso, nella descrizione di alcuni punti sul popolo nordcoreano. Sottolineiamo che la separazione tra i due stati ricorda molto quella della Germania, ma dura da più tempo e in un contesto socio-politico difficile da comprendere per un occidentale. Visti da qua sono due strani Paesi, appesi, nell’immaginario occidentale, tra il grande gigante Cina e l’ipertecnologico Giappone.

Punto primo. Dopo la guerra di Corea non è stata firmata una vera e propria pace ma solo un armistizio. A dividerle è un confine. Di qua il Sud, protettorato statunitense, con i Marine di stanza da decenni; di là il Nord. Se non bastassero le notizie a dare un’idea della differenza abissale tra i due Paesi, arrivano le fotografie spaziali a dare un’idea (clicca qui). Quasi come una metafora, il regime dei Cari leader è, di notte, buio come in un moderno medioevo. 

Punto secondo. A Nord abitano circa 25 milioni di persone mentre al Sud esattamente il doppio (dati 2015). Il Nord, poi, geograficamente risulta penalizzato rispetto al Sud, essendo caratterizzato da alte montagne (sono alte soprattutto nel versante nord-orientale, prossimo al confine con la Cina), mentre il Sud è più pianeggiante.

Punto terzo. Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, il tasso di alfabetizzazione del nord è prossimo al 100% (leggi qui).

Punto quarto. In Corea del Nord esistono veri e propri campi di concentramento con condizioni di vita disumane (clicca qui). 

Questa barbarie fa pensare al fatto che non si voglia far altro che scappare.

Arriviamo così al punto quinto. In effetti la media delle persone che fuggono dalla Corea del Nord ogni anno è di circa 1.500. Quasi tutti scappano attraverso la Cina. Alcuni provano ad arrivare fino in Thailandia dove, dopo l’arresto, vengono consegnati alla Corea del Sud. Ma non è semplice passare da un mondo come quello nordcoreano alla frenesia del Sud. I profughi, infatti, vengono “rieducati” in un campo nei pressi della capitale per imparare a vivere nel Sud (leggi articolo). 

Per altre informazioni e curiosità consigliamo anche un decalogo di Focus, pubblicato qualche tempo fa. Prima di tutto, però, dovremmo prestare un po’ più attenzione a osservare la dittatura nordcoreana per quello che è, ovvero una dittatura crudele, che i meme spiritosi sul dittatore nordcoreano e i suoi bisticci con Trump rischiano spesso di far dimenticare. 

Penna Bianca -ilmegafono.org

More from Politica e Società

Erdogan consolida il suo potere in Turchia in una società sempre più divisa

Il risultato sul filo di lana del referendum costituzionale in Turchia, dove il “sì” ha vinto con il 51,4 per cento dei voti, ha evidenziato una profonda spaccatura nel paese, dove il presidente Recep Tayyip Erdogan potrà ora concentrare nelle … Leggi tutto

La partigiana Lia e la libertà che corre su una bicicletta

Aprile, un mese diverso dagli altri undici. Racconta qualcosa che è stato e che non si dimentica, è una raccolta di fotografie e di storie che si tramandano e che non si perdono nel vento. È una favola dura, di … Leggi tutto

Cecenia e le altre. Golinelli: “Qualcosa sta cambiando, ma lotta per diritti degli omosessuali è durissima”

Ai confini dell’Europa, in un mondo che però appare lontano anni luce, si sta consumando una delle vicende più atroci degli ultimi tempi in fatto di violazione dei diritti umani. Siamo in Cecenia, una terra già dilaniata da sanguinosi conflitti interni, … Leggi tutto

Inchiesta Consip: errore, macchinazione o cos’altro?

Dell’inchiesta Consip sentiamo parlare da diverse settimane. Nell’occhio del ciclone, mediatico e giudiziario, sono finiti il ministro Lotti e il padre di Matteo Renzi. Grande bailamme e titoli di rito in piazza. Tutti colpevoli e tutti condannati, come d’abitudine nel … Leggi tutto

La sicurezza reale e la percezione distorta

Rapine, omicidi, cronaca nera in prima pagina o meglio, ormai sarebbe dire, sulla home dei social. Sarà questo che condiziona la percezione della sicurezza? Bisognerebbe credere un po’ di più ai dati e meno alle emozioni. Il rapporto dell’Istat fotografa una situazione diversa … Leggi tutto

Il profumo d’aprile

È il profumo di aprile quello che si sente e si respira, un profumo intenso che arriva dalla memoria e va dritto al cuore. La memoria che percorre la sua strada scavando nei ricordi raccontati con pudore dai vecchi che … Leggi tutto

Diritto all’aborto: diritto da difendere ogni giorno

In Italia il diritto all’aborto è tutelato dalla legge n.194 del 1978. In questa normativa si garantisce la libertà a una donna di poter scegliere di interrompere la gravidanza entro i primi 90 giorni di gestazione. Nella legge, però, è … Leggi tutto